Daniel Lozakovich

Violino

Biografia

Daniel Lozakovich, la cui maestosa musicalità lascia incantati sia la critica sia il pubblico, è nato a Stoccolma nel 2001 e ha iniziato a suonare il violino all'età di sette anni. Ha debuttato da solista due anni dopo con i Virtuosi di Mosca e Vladimir Teodorovič Spivakov. Daniel Lozakovich si esibisce regolarmente con rinomati ensemble quali l'Orchestre National de France, l'Orchestre de Paris, l'Orchestre National du Capitole de Toulouse, l'Orchestra Sinfonica di Goteborg, la Royal Stockholm Philharmonic Orchestra, l'Orchestra Sinfonica della Radio Svedese, l'Orchestre de la Suisse Romande, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l’Orquestra Gulbenkian e i Münchner Philharmoniker. Collabora con eminenti direttori d’orchestra tra cui Semyon Bychkov, Christoph Eschenbach, Valery Gergiev, Neeme Järvi, Cristian Măcelaru, Klaus Mäkelä, Andris Nelsons, Vasily Petrenko, Lahav Shani, Tugan Sokhiev, Esa-Pekka Salonen, Nathalie Stutzmann, Krzysztof Urbański e Lorenzo Viotti.

Recenti esibizioni includono il ritorno di Daniel Lozakovich alla Boston Symphony Orchestra con Andris Nelsons, il suo debutto a New York al Mostly Mozart Festival con Louis Langrée, il debutto con la Cleveland Orchestra con Klaus Mäkelä e la Los Angeles Philharmonic con Esa-Pekka Salonen.

Daniel Lozakovich si è esibito in tournée in Giappone e in Asia con Valery Gergiev e la hr-Sinfonieorchester diretta da Andrés Orozco-Estrada. La stagione 2021/2022 include eventi straordinari quali il debutto con la Chicago Symphony Orchestra, la Pittsburgh Symphony Orchestra, la Philadelphia Orchestra, la London Philharmonic Orchestra e la Oslo Philharmonic. Nella stessa stagione ritorna ad esibirsi con orchestre del calibro dell’Orchestre National de France, la WDR Sinfonieorchester Köln e l’Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo.

Molto attivo anche nel campo dei recital, dopo essersi esibito in alcuni delle sale più prestigiose del mondo Daniel Lozakovich si è esibito al Théâtre des Champs-Élysées, alla Fondation Louis Vuitton, alla Tonhalle Zürich, alla Victoria Hall di Ginevra, al Conservatorio G. Verdi di Milano e al Teatro Mariinsky. In tournée è apparso all'Elbphilharmonie Hamburg, al Concertgebouw Amsterdam e alla Konzerthaus Wien. Daniel Lozakovich partecipa regolarmente a festival musicali internazionali, tra cui il Verbier Festival, il Sommets Musicaux de Gstaad, il Festival Rotterdam, il White Nights Festival di San Pietroburgo, il Festival de Pâques – Aix-en-Provence, il Festival dello Schleswig-Holstein, il Tanglewood Music Festival, il Blossom Music Festival e il Pacific Music Festival. Daniel Lozakovich collabora frequentemente con artisti del calibro di Ivry Gitlis, Emanuel Ax, Renaud Capuçon, Shlomo Mintz, Mikhail Pletnev, Denis Matsuev, Khatia Buniatishvili, George Li, Seong-Jin Cho, Martin Fröst e Maxim Vengerov.

All'età di 15 anni, Daniel Lozakovich ha firmato un contratto di esclusiva discografica con Deutsche Grammophon, mentre nel 2018 ha pubblicato il suo album di debutto con i Concerti per violino e la Partita n. 2 di Bach. L'album ha raggiunto il primo posto nella categoria musicale delle classifiche francesi di Amazon e delle classifiche delle registrazioni di musica classica in Germania. “None but the lonely heart”, il secondo album di Daniel Lozakovich, è stato pubblicato nel 2019. Dedicato a Tchaikovsky, questo disco include il Concerto per violino ed è stato registrato dal vivo con la Filarmonica Nazionale Russa e Vladimir Spivakov. Il terzo album di Daniel Lozakovich, pubblicato nel 2020, è incentrato sul Concerto per violino di Beethoven, registrato dal vivo con i Münchner Philharmoniker, insieme al M° Valery Gergiev, e pubblicato come album audio ed e-video, nel 250° anniversario di Beethoven. Un progetto incredibilmente significativo per Daniel Lozakovich, che considera questo Concerto uno dei più grandi concerti mai scritti; l'album ha raggiunto i primi posti nelle classifiche streaming su Spotify e Tidal.

Daniel Lozakovich ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il Primo Premio al Concorso internazionale di violino Vladimir Spivakov nel 2016 e il Premio "Giovane artista dell'anno 2017" al Festival delle Nazioni, il Premio Batuta in Messico e il Premio Excelentia sotto la presidenza onoraria di Regina Sofia di Spagna.

Daniel Lozakovich ha studiato alla Hochschule für Musik di Karlsruhe con il professor Josef Rissin dal 2012 e con Eduard Wulfson a Ginevra dal 2015.

Daniel Lozakovich suona lo Stradivari “ex barone Rothschild”, su gentile concessione, per conto del proprietario, di Reuning & Son, Boston ed Eduard Wulfson; suona inoltre lo Stradivari Le Reynier (1727), generosamente prestato da LVMH / MOET HENNESSY. LOUIS VUITTON.

Discografia

  • Bach

    Violin Concertos Nos. 1 & 2

    Partita No. 2 in D Minor

    Daniel Lozakovich
    Kammerorchester des Symphonieorchesters
    des Bayerischen Rundfunks

    Deutsche Grammophone, 2018
  • Tchaikovsky

    None but the Lonely Heart

    Daniel Lozakovich
    Vladimir Spivakov
    Russian National Philharmonic

    Deutsche Grammophon, 2019
  • Beethoven, Bach

    Ludwig van Beethoven

    Violin Concerto in D Major, Op. 61

    Johann Sebastian Bach
    Sonata for Violin Solo No. 1 in G Minor, BWV 1001

    Daniel Lozakovich
    Valery Gergiev
    Münchner Philharmoniker

    Deutsche Grammophone, 2020
  • Beethoven, Bach

    Ludwig van Beethoven

    Violin Concerto in D Major, Op. 61

    Johann Sebastian Bach
    Sonata for Violin Solo No. 1 in G Minor, BWV 1001

    Daniel Lozakovich
    Valery Gergiev
    Münchner Philharmoniker

    Deutsche Grammophone, 2020

Press

  • [...] puro genio [...]

    ResMusica

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale
Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com - CF/P.IVA 03297510137
Cookie policy (Personalizza) - Privacy policy

Sede legale: Via Alberico Albricci, 8 – 20122 Milano (MI) – Italia