Beatrice Rana

Pianoforte

Biografia

“Il pianismo di Beatrice Rana possiede un fascino magnetico, un tocco di straordinaria delicatezza” The Times

Beatrice Rana ha rappresentato una ventata d’aria nuova per il panorama della musica classica internazionale, suscitando ammirazione e interesse da parte sale concertistiche, direttori, critici e pubblico di tutto il mondo.

Si esibisce nelle sale da concerto e nei festival più rinomati al mondo, tra cui la Berlin Philharmonie, il Concertgebouw di Amsterdam, la Carnegie Hall e il Lincoln Center di New York, il Barbican Centre, la Wigmore Hall, la Royal Albert Hall e la Royal Festival Hall di Londra, la Philharmonie de Paris e il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, la Konzerthaus e il Musikverein di Vienna, la KKL di Lucerna, la Philharmonie di Colonia, il Gasteig, il Prinzregententheater e la Herkulessaal di Monaco, la Alte Oper di Francoforte, la Elbphilharmonie e la Laeiszhalle di Amburgo, la Liederhalle di Stoccarda, la Tonhalle di Zurigo, la Philharmonie du Luxembourg, la Società dei Concerti di Milano, i BBC Proms, Ferrara Musica, il Festival di Verbier, il Klavier Festival della Ruhr, il LAC di Lugano, il Festival di Stresa, il Festival la Roque d’Anthéron, i Rencontres Musicales d’Evian, il Festival Enescu di Bucarest, il Mostly Mozart Festival, la Symphony Hall e il Celebrity Series di Boston, il Gilmore Keyboard Festival, la Walt Disney Hall e l’Hollywood Bowl di Los Angeles, il Kennedy Center di Washington DC.

Collabora con direttori d’orchestra del calibro di Yannick Nézet-Séguin, Jaap van Zweden, Antonio Pappano, Manfred Honeck, Klaus Mäkelä, Gianandrea Noseda, Fabio Luisi, Riccardo Chailly, Paavo Järvi, Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Vladimir Jurowski, Gustavo Gimeno, Lahav Shani, Jakub Hrůša, Jun Märkl, Ryan Bancroft, Trevor Pinnock, Louis Langrée, Dima Slobodeniouk, James Gaffigan, Mirga Gražinytė-Tyla, Sakari Oramo, Andrés Orozco-Estrada, Gustavo Gimeno, Susanna Mälkki, Kent Nagano, Leonard Slatkin e Zubin Mehta.

Le sue collaborazioni orchestrali includono apparizioni con la Royal Concertgebouw Orchestra, la London Symphony Orchestra, la Bayerische Rundfunk Sinfonieorchester, la New York Philharmonic, la Philadelphia Orchestra, la Los Angeles Philharmonic, la Boston Symphony Orchestra, la Pittsburgh Symphony Orchestra, la Toronto Symphony Orchestra, la Chamber Orchestra of Europe, l’Orchestre de Paris, l’Orchestre National de France, la City of Birmingham Symphony Orchestra, la BBC Symphony Orchestra, la Royal Liverpool Philarmonic Orchestra, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Sinfonica della RAI, la Filarmonica della Scala, la Royal Stockholm Philharmonic, la Filarmonica di Helsinki, l’Orchestre Philharmonique du Luxembourg, l’Orchestra Sinfonica di Anversa, la Sinfonietta di Amsterdam, la Detroit Symphony Orchestra, la Dallas Symphony Orchestra, la NHK Symphony, la Filarmonica di Seoul, la Melbourne Symphony Orchestra, la Tonkünstler Orchester, l’Orchestra Sinfonica di Lucerna e la Filarmonica di San Pietroburgo.

Nel corso delle stagioni 2022/2023 e 2023/2024, Beatrice Rana sarà in tournée in Europa con i Wiener Symphoniker e Jaap van Zweden, la Chamber Orchestra of Europe e Antonio Pappano, l’Academy of St Martin in the Fields, l’Orchestre Philharmonique du Luxembourg. Debutterà inoltre con la Filarmonica di Monaco, la Chicago Symphony Orchestra, la San Francisco Symphony e la Filarmonica di Rotterdam; tornerà ad esibirsi con la Philadelphia Orchestra, l’Orchestre de Paris, la New York Philharmonic, la National Symphony Orchestra, la Filarmonica Reale di Stoccolma e la London Philharmonic. Per la stagione 2022/2023 è titolare di una ‘residenza’ presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma e ha in programma nuove esibizioni in prestigiose sale quali la Philharmonie de Paris, la Laeishalle di Amburgo, il Concertgebouw di Amsterdam, l’Alte Oper di Francoforte, la Konzerthaus di Vienna e la Carnegie Hall.

Beatrice Rana registra in esclusiva per Warner Classics. Nel 2015, il suo primo album con il Concerto n. 2 per pianoforte di Prokofiev e il Concerto n. 1 per pianoforte di Ciajkovskij, eseguiti con Antonio Pappano e l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, ha ricevuto riconoscimenti internazionali, tra cui il prestigioso “Editor’s Choice” della rivista Gramophone e il premio “Newcomer of the Year” della BBC Music Magazine. L’anno 2017 rimarrà una pietra miliare nella sua carriera grazie alla pubblicazione delle Variazioni Goldberg di Bach. La registrazione è stata elogiata dai critici di tutto il mondo ed ha ricevuto due importanti premi: lo “Young Artist of the Year” ai Gramophone Awards e il “Discovery of the year” agli Edison Awards. Nel giugno 2018, Beatrice Rana è stata scelta come “artista femminile dell’anno” ai Classic BRIT Awards della Royal Albert Hall. L’album pubblicato nell’ottobre 2019, con opere di Stravinsky e Ravel, ha ricevuto numerosi premi tra cui il “Diapason d’Or de l’Année” e lo “Choc de l’Année” dalla rivista francese Classica. Nel settembre 2021 è stato pubblicato un album con musiche di Chopin, nuovamente destinatario di numerosi riconoscimenti.

Nel 2017 Beatrice Rana ha fondato il Festival di musica da camera “Classiche Forme” nella sua città natale, Lecce, in Puglia. Il Festival è diventato uno dei più importanti eventi estivi italiani. Nel 2020 è diventata direttore artistico dell’Orchestra Filarmonica di Benevento.

Nel giugno 2013 Beatrice Rana ha vinto la Medaglia d’Argento e il ‘premio del pubblico’ alla prestigiosa Van Cliburn International Piano Competition. Aveva tuttavia attirato l’attenzione internazionale già a 18 anni, con la vittoria del primo premio e di tutti i premi speciali al Concorso Internazionale di Montreal, nel 2011. Beatrice Rana è vincitrice di numerosi primi premi in concorsi a carattere campo nazionale ed internazionale, tra cui i Concorso “Muzio Clementi”, il “Concorso Pianistico Internazionale della Repubblica di San Marino” e la “Bang&Olufsen PianoRAMA Competition”.

Nata in una famiglia di musicisti nel 1993, Beatrice Rana ha debuttato come solista in orchestra all’età di nove anni, eseguendo il Concerto in fa minore di Bach. Ha iniziato i suoi studi musicali a quattro anni e si è diplomata in pianoforte sotto la guida di Benedetto Lupo al Conservatorio di Musica Nino Rota di Monopoli, dove ha anche studiato composizione con Marco della Sciucca. Ha in seguito studiato con Arie Vardi ad Hannover e di nuovo con Benedetto Lupo all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Attualmente Beatrice Rana vive a Roma.

Discografia

  • Chopin, Scriabin

    Chopin, 26 Preludes
    Scriabin, Sonate n. 2 op. 19

    ATMA Classique, 2012
  • Schumann, Ravel, Bartók

    14th Van Cliburn International Piano Competition

    harmonia mundi, 2013
  • Prokofiev, Tchaikovsky

    Prokofiev: Piano Concerto No. 2
    Tchaikovsky: Piano Concerto No. 1

    Beatrice Rana
    Antonio Pappano
    Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

    Warner Classics, 2015
  • Bach

    Goldberg Variations, BWV 988

    CD

    Warner Classics, 2017
  • Bernstein

    Complete Symphonies 1 - 3

    Beatrice Rana, Marie-Nicole Lemieux, Orchestra e Coro dell' Academia Nazionale di Santa Cecilia

    Conductor, Antonio Pappano

    2 CDs

    Warner Classics, 2018
  • J. S. Bach

    Goldberg Variations

    LP

    Warner Classics, 2019
  • Ravel, Stravinsky

    Ravel: Miroirs, La Vlase

    Stravinsky: Petrushka, The Firebird

    Warner Classics, 2019
  • AA. VV.

    The Peace Concert Versailles

    Works including:

    Holst: Mars from The Planets

    Ravel: Piano Concerto for the Left Hand*

    Wagner: Funeral March from Götterdämmerung

    Beethoven: Agnus Dei from the Missa Solemnis

    Yuja Wang*

    Choeur de Radio France

    Wiener Philharmoniker

    Franz Welser-Möst

    Deutsche Grammophon, 2019
  • Ravel, Stravinsky

    Ravel: Miroirs, La Vlase

    Stravinsky: Petrushka, The Firebird

    Warner Classsics, 2019

Press

  • […] La giovane Beatrice Rana non ha certo bisogno di presentazioni, essendo ormai, nonostante la giovane età, una star di livello internazionale, praticamente senza confronti nell’ambito dell’attuale pianismo al femminile (ma non solo) […]

    Claudio Bolzan, Musica, maggio 2018

  • [...] Beatrice Rana ha 25 anni e le dita magiche di chi sa far sognare toccando i tasti di un pianoforte [...]

    Benedetta Perilli, Repubblica.it, 7 marzo 2018

  • […] Un Bach perfetto, Rana al pianoforte ha qualcosa in più […]

    Fabio Brisighelli, Corriere Adriatico, 21 marzo 2017

  • […] Qui (Quintetto per pianoforte, Op. 44 di Schumann) è entrata in scena Beatrice Rana col suo pianoforte trattato come un flusso liquido, dal mormorio alla grande agitazione, e un respiro poetico capace di rendere viva ogni battuta […]

    La Stampa

  • [...] una Beatrice Rana meravigliosa per devozione, piglio, capacità tecnica ed intelligenza esecutiva [...]

    Alberto Bottalico, La Gazzetta Musicale, 30 gennaio 2017

  • […] il suo pianismo possiede tutta l'intensa forza e la brillantezza perfettamente bilanciata che si possono immaginare […]

    Erica Jeal, the Guardian, 11 dicembre 2015

  • Il raro tocco di Beatrice

    Carla Moreni, Il Sole 24 Ore, 31 maggio 2015

  • […] L’esecuzione di Beatrice Rana dell’ambiziosissimo e tremendamente difficile opera di Schumann (Studi Sinfonici) è stata semplicemente sbalorditiva […] Beatrice Rana ha offerto al pubblico una lettura affascinante, piena di momenti carichi della doppia personalità musicale di Schumann, nei cui ruoli la pianista si è calata alla perfezione […]

    www.seenandheard-international.com, febbraio 2014

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale
Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com - CF/P.IVA 03297510137
Cookie policy (Personalizza) - Privacy policy

Sede legale: Via Alberico Albricci, 8 – 20122 Milano (MI) – Italia